Ti piace il mio blog?

martedì 24 agosto 2010

Monte Stivo (mt. 2059) - Basso sarca -



Punto di partenza: Strada provinciale del Monte Velo (terzo tornante dopo Salve Regina) mt. 650

Visualizzazione ingrandita della mappa
Dislivello fino al punto più alto: m 1409
Durata percorso: 3 ore e ½ di salita – 2 ore di discesa
Siluppo: Km 14,50
Difficoltà: media
Punti di appoggio: Rifugio P.Marchetti allo Stivo (mt. 2009)
Malga Zanga (mt. 1159) www.malgazanga.eu
Percorso Gps
Escursione effettuata in data:22/08/2010
Voto: 7,5

Lasciata la macchina su una delle piazzole ai lati della SP del Monte Velo comincio a salire di quota prendendo il sentiero N° 608 che taglia i tornanti della strada asfaltata,sotto il bivio per la chiesa di S.Francesco.
Arrivato al bivio per l’Agritur Torboli e Malga Zanga prendo a sinistra e seguo la strada fino al primo, e lungo il sentiero N° 608 comincio a dirigermi verso la Malga, ma sul primo tornante a destra cementato mi tengo a sinistra lungo un sentiero ben visibile fino ad arrivare in un prato con casetta di legno e da qui proseguo tenendomi a sinistra. Il sentiero sale senza respiro e dopo circa 2 Km di dura salita,passando per la loc. Castil (mt. 1245) con fontana, arrivo alla località Le prese (mt. 1480). Da qui,lungo il sentiero N° 608b seguo la strada ben visibile che sale allo Stivo (mt. 2059) tagliando tutto il versante per lungo rettilineo in direzione Nord e dopo alcuni tornanti arrivo alle malghe dello Stivo (mt. 1748). Ora il sentiero sale a sinistra verso i mughi per poi tornare a destra ad incrociarsi con la traccia di quello proveniente dal Costone. Ancora qualche fatica e arrivo al Rifugio Marchetti (mt. 2009) e in pochi minuti alla Croce del Monte Stivo (mt. 2059). Dopo aver pranzato alla grande grazie alla cucina da “ristorante” del Matteo decido di scendere lungo il costone e seguo quindi il sentiero che dal rifugio scende in direzione Sud prima e Ovest poi proprio sul crinale del Costone appunto lungo un tratto molto ripido,ritornando alle Prese. Da qui seguo la strada “normale” ben tracciata fino alla loc. S.Antonio per poi prendere a destra in direzione Malga Zanga,ben segnata, passandola e tornando all’Agritur Torboli e tornando alla macchina dal medesimo sentiero di salita,ossia il N° 608.