Ti piace il mio blog?

domenica 24 febbraio 2013

Cima Nassere o Croz de Conseria (mt. 2253) - Val Campelle - Lagorai



Cima Nassere dal Carlettini


EveryTrail - Find hiking trails in California and beyond

Accesso: Arrivati a Trento si prende in direzione Padova lungo la Valsugana,si passa Pergine,Levico e Borgo e si esce a Scurelle da dove si segue le indicazioni per il Rifugio Crucolo passando per Spera. Passato il rifugio si arriva al Rifugio Carlettini dove parcheggio. Volendo si può partire più in alto da Malga Caserina,aperta anche d'inverno.
Punto di partenza: dal Rifugio Carlettini si prende il sentiero estivo in direz. Malga Nassere,ma si può partire anche più alti da Malga Caserina
Dislivello: m 907
Esposizione: Ovest
Durata salita: 2 ore e 45'
Sviluppo: km 5,21
Difficoltà: nessuna
Caratteristiche discesa: divertente bosco e bel prato nei pressi di Malga Nassere ma la discesa vera e propria è quella da nord facendo un giro ad anello
Attrezzatura: normale da sci alpinismo
Punti di appoggio: nessuno
Escursione effettuata in data: 24/02/2013
Traccia salita gps download
Traccia discesa gps download: la stessa di salita
Foto
Video
Cartina topografica del percorso
Dove mangiare: Rifugio Carlettini
Voto: 7

Con la quantità di neve di questi giorni il Lagorai riserva emozioni incredibili da non perdere. Dal Carlettini attraverso la strada e prendo il sentiero estivo che porta a Malga Nassere e in breve arrivo ad un bel prato con il bivacco che dall'alto sembra dar coraggio a chi oggi sfida la montagna sotto la neve. Attraversato tutto il prato stando in basso non prendo il canalone diretto che sale ripido sul lato destro del prato in quanto oggi il rischio valanghe in quel punto e' sicuramente da grado 4. Terminato il prato,seguo per circa 30 metri la forestale e salgo dritto nel bosco a sinistra e dopo alcune inversioni mi accorgo di non essere solo stamani infatti a fatica sorpasso circa 50 tra alievi e istruttori di una scuola di sci alpinismo Vicentina. Uscito dal bosco in poco tempo raggiungo la cima lungo la dorsale ma nell'ultimo tratto un fortissimo vento mi mette proprio a dura prova,infatti diversi tra i vicentini non faranno la cima. Ora la discesa vera e propria sarebbe quella che scende a nord dall'altra vallata ma il forte vento,il fatto che nessuno scenderà da lì oggi e non per ultimo l'alto rischio valanghe mi desiste dall'idea del giro ad anello e decido di tornare lungo la traccia di salita.