Ti piace il mio blog?

sabato 20 agosto 2011

Monte Vioz (mt. 3645) Val di Pejo - Gruppo del Cevedale -



Accesso: A 22 uscita Mezzocorona,val di Non,Val di Sole e poi seguire a destra per Pejo. Prendere la cabinovia e poi la seggiovia Doss dei Gembri

Visualizzazione ingrandita della mappa
Punto di partenza: Rifugio Doss dei Gembri
Parcheggio impianti di risalita Pejo Fonti
Dislivello: Esposizione: Sud-Est
Durata salita: 4 ore
Sviluppo: km 5,80
Difficoltà: alta per le pendenze del percorso e per la quota
Punti di appoggio:
Rifugio Doss dei Gembri
Rifugio Mantova al Vioz
Escursione effettuata in data: 18/08/2011
Percorso Gps
Foto
Cartina topografica del percorso
Voto: 9

Spedizione in alta montagna che lascia impresso nella mente e nei muscoli i segni della fatica,della soddisfazione e dell'aria rarefatta che si respira a quelle quote. Un rifugio che non si scorda più' e un dipinto sulle vette più significative del Cevedale fanno di questa escursione una delle esperienze più forti che io ricorda. Arrivati al Rifugio Doss dei Cembri (mt. 2315) dopo aver preso la cabinovia e la seggiovia omonima arriviamo al punto di partenza e cominciamo la salita sul sentiero N° 138-139 subito dritto al rifugio con cartello che indica 4 ore anche se poi per noi,grazie al passo dell'allenatissima Elisa saranno solo 3 ore e 15. Dopo alcuni tornanti senza eccessive pendenze si finisce sul sentiero N° 105 e si lascia la conca degli impianti per cominciare una salita lungo un sentiero che sembra mai terminare,sempre tra le rocce e che a volte pare proprio arrampicarsi sulle pareti rocciose. La salita va affrontata con passo costante e mai troppo veloce per non andare in crisi visto le quote. Unico passaggio leggermente esposto nei pressi del Brik e comunque attrezzato con cordino metallico. Arrivati al rifugio affrontiamo l'ultimo sforzo per raggiungere la croce e subito dopo la vetta del Vioz in ca. 20 minuti da dove una vista superba sulla Punta S.Matteo (mt. 3670) e su Palon della Mare (mt. 3685),Cevedale (mt. 3769) e Zufall (mt. 3757) ci appaga in pieno dopo lo sforzo della salita.